“In the kitchen”, Monica Ali

Quando ho cominciato a organizzare il materiale per Badingiana, avevo programmato di scrivere su questo romanzo. Poi, però, ripensando a tutto il tempo che il libro ha stazionato sul comodino della camera da letto, sulla scrivania dello studio o sul tavolino del salotto ho cambiato idea. Oggi, invece, sono tornata sui miei passi: anche se … Continua a leggere

Giornata Mondiale della Poesia 2013

Oggi inizia la primavera, ma si celebra anche una forma artistica tra le più alte, la poesia. Come leggiamo nel sito web ufficiale, l’UNESCO negli anni ha voluto dedicare la giornata all’incontro tra le diverse forme della creatività, affrontando le sfide che la comunicazione e la cultura attraversano in questi anni. Tra le diverse forme … Continua a leggere

Eat the Beatles!

Lo confesso: adoro i Beatles! Per me sono un non plus ultra della musica rock. Ho sempre detto e ribadito che se avessi una macchina del tempo ritornerei agli anni Sessanta, che per me sono tra i migliori decenni registratisi nella storia europea. Perdonate le mie elucrubazioni mentali, ma quando si tratta dei Beatles comincerei … Continua a leggere

Una donna, Simone De Beauvoir

Oggi è l’08 marzo. Non voglio annoiarvi con le solite storie sulla donna e il femminismo, presunto o reale. Voglio solo che questa ricorrenza sia presente su Badingiana attraverso un semplice ricordo, delle note di lettura tratte da due testi della scrittrice francese Simone De Beauvoir. Un punto di vista che condivido pienamente. “Donna non … Continua a leggere

J.M.G. Le Clézio, Il verbale

Questa è la mia prima esperienza di lettura di J.M.G. Le Clézio. Ho voluto assaporare la bellezza di una scrittura aitante nella sua versione originale, direttamente in francese. E proprio in questi giorni sto leggendo “Le procès verbal”, primo romanzo del Premio Nobel francese, pubblicato in Italia col titolo “Il verbale” dalla casa editrice “DuePunti … Continua a leggere

“Chicago” di ‘Alaa Al-Aswani

Secondo l’immaginario collettivo, l’immigrato è colui che proviene da un paese più povero e difficile del proprio. Il ricordo di vecchie valigie tenute insieme da uno spago è in bianco e nero e, di certo, non può essere associato ai protagonisti del romanzo “Chicago” (2008) dello scrittore ‘Alaa Al-Aswani. Sì, perché gli uomini e le … Continua a leggere

Una passeggiata nel mercato di Bassora

“Amakin harrah” (pubblicato nel 2006 dalla casa editrice libanese Al-Adab) è un romanzo dello scrittore iracheno Janan Jassim Hallawi, autore del tutto sconosciuto nel panorama letterario internazionale in lingua italiana. Il  tessuto narrativo si sviluppa attraverso il racconto di storie di diversi personaggi che, pur partiti da luoghi e città differenti o trovandosi in contesti … Continua a leggere